IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Blues

Blues

MAX ZANOTTI A un passo

max zanotti a un passo
Max Zanotti, da sempre, ha con l'intimità un rapporto di devozione. Quindi questo "A un passo" non sorprende, perché se da un lato è vero che l'ex leader dei Deasonika mette distanza fra sé e il rock (la materia prima della sua carriera artistica), dal lato opposto questo compact sembra avere tutti i connotati dell'urgenza artistica. Insomma, non un disco da fare tanto per fare, ma un disco da fare per il bisogno di farlo, abbassando i toni e raggruppando un po' di amici. Sì, perché lungo la scaletta troviamo - ad esempio - Georgeanne Kalweit (Delta V) e Francesco Setta,…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

Max Zanotti, da sempre, ha con l’intimità un rapporto di devozione. Quindi questo “A un passo” non sorprende, perché se da un lato è vero che l’ex leader dei Deasonika...

Leggi Articolo »

SENHOR MUTRÌO Falso d’autore

senhor mutrio
C'è di tutto in "Falso d’autore": canzone d'autore, pop, jazz, world music, blues. Tante fascinazioni per un disco che . Un compact "friendly", nella migliore accezione del termine. Il secondo album del Senhor MuTrìo è un lavoro tanto semplice quanto diretto: lo metti su e fa tutto da solo. Le liriche mostrano una discreta proprietà di linguaggio e gli arrangiamenti sono vari senza esagerare. "Luna" è a nostro avviso il pezzo migliore, ma in generale è tutto il disco…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

C’è di tutto in “Falso d’autore“: canzone d’autore, pop, jazz, world music, blues. Tante fascinazioni per un disco che ha il grosso pregio di intrattenere e che riesce, per tutta...

Leggi Articolo »

FERRO SOLO Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando - Part 1

ferro solo
"Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando - Part 1" è l’album di debutto di Ferro Solo, ovvero Ferruccio Quercetti, da più di vent’anni chitarrista e cantante dei Cut, storica band di blues/punk/noise di stanza a Bologna. Il disco è un viaggio (piacevole) attorno alle coordinate del rock americano, con divagazioni nei territori del folk, del blues e ampie concessioni alla melodia, con brani come l'iniziale "It's a girl" (un pezzone), "Perfect Stranger", "Doppelgänger" oppure "He Spies" che danno la giusta misura del compact. Sinceramente le 12 canzoni in scaletta ci sono piaciute al primo ascolto,…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

“Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando – Part 1” è l’album di debutto di Ferro Solo, ovvero Ferruccio Quercetti, da più di vent’anni chitarrista e cantante...

Leggi Articolo »

NERO KANE Love in a dying world

nero kane love in a dying world
Nero Kane (all'anagrafe Marco Mezzadri) è un musicista milanese che con la sua voce e la sua chitarra batte i territori del folk-rock-blues, con ampia fiducia nei panorami desertici americani. Il suo "Love in a dying world" è un muoversi lento e inesorabile dentro la notte. Non ci sono aperture di credito alla luce, e il disco ha un mood così preciso che persino l'ascolto diurno infastidisce. "Love in a dying world" è un album notturno, fatto per anime notturne, ideale per chi ha smarrito la strada ma non vuole perdere contatto con la realtà, con i ricordi, con l'auspicio di…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Nero Kane (all’anagrafe Marco Mezzadri) è un musicista milanese che con la sua voce e la sua chitarra batte i territori del folk-rock-blues, con ampia fiducia nei panorami desertici americani. Il...

Leggi Articolo »

ELLI DE MON Songs Of Mercy And Desire

elli de mon
Elli de Mon ci sa fare, e il suo blues desertico - in certi frangenti, ad esempio "Elegy" - rimanda anche alla primissima PJ Harvey. Ma è tutto l'album ad avere una tensione sotterranea che porta l'ascoltatore in una dimensione "altra", intima, a tratti confidenziale. Nel gioco di accelerazioni e frenate, a noi "Songs Of Mercy And Desire" piace parecchio quando abbassa i ritmi. Un disco funziona quando, al di là della passione che può avere l'ascoltatore per un genere o per un altro, alla fine riesce a comunicare un messaggio e a farsi notare. In quest'ottica, la scommessa…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Elli de Mon ci sa fare, e il suo blues desertico – in certi frangenti, ad esempio “Elegy” – rimanda anche alla primissima PJ Harvey. Ma è tutto l’album ad...

Leggi Articolo »

MONKEY ONECANOBEY Moco

monkey onecanobey moco
Sono in due: uno che ci mette voce e chitarra e l'altro va di beatbox. Sav e Phil sono stati sempre amici, fin dai tempi dell’asilo. Un giorno, Phil decide, così per scherzo, di iniziare a fare beatbox e tra un video e l’altro conosce Dave Crowe. Trasportato dal groove del beatboxer inglese propone a Sav, una mattina a scuola, di creare un progetto che fondesse la passione di Sav e il suo gusto per i generi rock/pop alla "Mouth Machine" di Phil. "Moco" è il disco d'esordio dei Monkey OneCanObey. In scaletta 8 brani che abbracciano il blues, la…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

Sono in due: uno che ci mette voce e chitarra e l’altro va di beatbox. Sav e Phil sono stati sempre amici, fin dai tempi dell’asilo. Un giorno, Phil decide, così...

Leggi Articolo »

ELOISA ATTI Edges

eloisa atti edges
Partiamo dalle note negative: perché allungare così tanto il brodo e appesantire canzoni comunque valide nella loro semplicità? "Edges" è stato vittima, in fase produttiva, del classico "eccesso di generosità", cioè della voglia di lavorare per addizione piuttosto che per sottrazione. Il risultato? Un disco carino, ma che poteva essere molto più efficace se si fosse lavorato di lima e martello. "Edges" è un lavoro che mescola country, folk, blues, deviazioni jazz, tutte cose che rimandano al tipico immaginario americano. E' un disco che non ha colpi di genio, ma che è piuttosto solido. La voce di Eloisa Atti è…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Partiamo dalle note negative: perché allungare così tanto il brodo e appesantire canzoni comunque valide nella loro semplicità? “Edges” è stato vittima, in fase produttiva, del classico “eccesso di generosità”,...

Leggi Articolo »

NEKO AT STELLA Shine

neko at stella shine
Troviamo prima di tutto le coordinate: "Shine" sta in un incrocio fra rock americano, blues e psichedelia, e nel mezzo ci passano almeno tre decadi di suoni, ovvero gli Anni Settanta, gli Ottanta e i Novanta. Il disco dei Neko At Stella è un mix di suoni già sentiti ma che negli ultimi anni - in Italia - sono usciti dai radar della scena indipendente. Alle chitarre il compito di indicare la via, alla voce di Glauco Boato, invece, il merito di tenere in pista un album che in alcuni passaggi si guarda troppo alla specchio e sembra non voler tendere…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Troviamo prima di tutto le coordinate: “Shine” sta in un incrocio fra rock americano, blues e psichedelia, e nel mezzo ci passano almeno tre decadi di suoni, ovvero gli Anni...

Leggi Articolo »

DA BLACK JEZUS They can't cage the light

black jezus
"They can't cage the light" non è il classico disco folk. C'è in più l'elettronica, è vero, ma non è neppure questo il valore aggiunto. L'album funziona, piace, perché ha una personalità propria, definita, non suggerisce all'ascoltatore rimandi evidenti ad altri artisti, ma tiene tutti incollati all'attualità, cioè alle nove canzoni proposte. L'atmosfera è scura, la voce di Luca Impellizzeri è una piccola meraviglia di luce e buio, mentre i "giocattoli" elettronici di Ivano Amata sono così discreti da restare costantemente due passi indietro rispetto alle parole e all'incedere dei brani. Il panorama sonoro - oltre al folk - si arricchisce…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

“They can’t cage the light” non è il classico disco folk. C’è in più l’elettronica, è vero, ma non è neppure questo il valore aggiunto. L’album funziona, piace, perché ha...

Leggi Articolo »

DANIELE COCCIA PAIFELMAN Il cielo di sotto

daniele coccia paifelman cielo sotto
"Il cielo di sotto" è il disco d’esordio di Daniele Coccia Paifelman, già autore, cantante e fondatore de Il Muro del Canto. L’album è stato prodotto da Piotta ed Emiliano Rubbi per La Grande Onda/La Zona, ed è essenzialmente un lavoro dove il cantaurorato vecchio stile (si trovano similitudini, a livello stilistico, con De Andrè, Ciampi, Tenco) incrocia il blues e il folk. La voce particolarissima di Coccia marchia a fuoco tutti i brani in scaletta e spesso dà sangue anche a qualche pezzo piuttosto anemico dal punto di vista sonoro. Ecco, il disco è facilmente giudicabile se parte…

Score

QUALITA' - 60%

60%

60

“Il cielo di sotto” è il disco d’esordio di Daniele Coccia Paifelman, già autore, cantante e fondatore de Il Muro del Canto. L’album è stato prodotto da Piotta ed Emiliano...

Leggi Articolo »