IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Blues > FERRO SOLO

FERRO SOLO Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando - Part 1

"Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando - Part 1" è l’album di debutto di Ferro Solo, ovvero Ferruccio Quercetti, da più di vent’anni chitarrista e cantante dei Cut, storica band di blues/punk/noise di stanza a Bologna. Il disco è un viaggio (piacevole) attorno alle coordinate del rock americano, con divagazioni nei territori del folk, del blues e ampie concessioni alla melodia, con brani come l'iniziale "It's a girl" (un pezzone), "Perfect Stranger", "Doppelgänger" oppure "He Spies" che danno la giusta misura del compact. Sinceramente le 12 canzoni in scaletta ci sono piaciute al primo ascolto,…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

ferro solo

Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando – Part 1” è l’album di debutto di Ferro Solo, ovvero Ferruccio Quercetti, da più di vent’anni chitarrista e cantante dei Cut, storica band di blues/punk/noise di stanza a Bologna.

Il disco è un viaggio (piacevole) attorno alle coordinate del rock americano, con divagazioni nei territori del folk, del blues e ampie concessioni alla melodia, con brani come l’iniziale “It’s a girl” (un pezzone), “Perfect Stranger”, “Doppelgänger” oppure “He Spies” che danno la giusta misura del compact.

Sinceramente le 12 canzoni in scaletta ci sono piaciute al primo ascolto, e questo testimonia in maniera piuttosto fedele l’estrema accessibilità del lavoro confezionato. Insomma, il suono è derivativo al massimo, ma è proposto senza effetti speciali, con arrangiamenti funzionali e tanta voglia di omaggiare il rock’n’roll delle radici.

Tag