IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Psichedelia

Psichedelia

CRM Who are you exactly?

crm
“Who are you exactly?” è il disco d’esordio dei CRM, Customer Relationship Madness. L'album è . Il compact ci piace per tre motivi: ogni traccia è diversa dall'altra pur restando fedele allo stile del gruppo; sono tanti i riff che restano in testa già al primo ascolto; è un prodotto originale per il…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

“Who are you exactly?” è il disco d’esordio dei CRM, Customer Relationship Madness. L’album è un bel miscuglio attorno alle coordinate del rock, con la scena newyorchese sullo sfondo, i...

Leggi Articolo »

NICOLA DENTI Egosfera

nicola denti
“Egosfera” è un concept album interamente strumentale che utilizza le suggestioni della musica per narrare una storia, in parte autobiografica: il viaggio di Ekow verso Egosfera. Quello di Nicola Denti, musicista di lungo corso, è un lavoro ambizioso nel solco di un certo rock psichedelico che purtroppo negli ultimi anni si è un po' rintanato nelle nicchie e che - rispetto agli Anni 60 e 70 - ha perso il giusto feeling con il pubblico più ampio. Il viaggio di Denti si compone di due tappe come il disco si compone di due parti. Ogni brano è ispirato a una…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

“Egosfera” è un concept album interamente strumentale che utilizza le suggestioni della musica per narrare una storia, in parte autobiografica: il viaggio di Ekow verso Egosfera. Quello di Nicola Denti, musicista...

Leggi Articolo »

JULIE’S HAIRCUT In The Silence Electric

julies haircut silence electric
Potrebbe suonare male, ma lasciateci definire "In The Silence Electric" come il solito disco dei Julie’s Haircut. Laddove "solito" merita di essere associato a un concetto più ampio e strutturato: i Nostri hanno trovato da un pezzo un proprio stile e un percorso chiaro. Tutto ciò contribuisce a rendere le loro canzoni familiari, all'ascoltatore, anche quando sono nuove. . In scaletta 9 episodi per circa 42 minuti di spiritualità sonica, in costante equilibrio tra intensità extrasensoriale, estasi e rabbia, tra vago nichilismo e un rock che…

Score

QUALITA' - 75%

75%

75

Potrebbe suonare male, ma lasciateci definire “In The Silence Electric” come il solito disco dei Julie’s Haircut. Laddove “solito” merita di essere associato a un concetto più ampio e strutturato:...

Leggi Articolo »

HANDSHAKE An Ice Cream Man on the Moon

handshake
Gli Handshake arrivano da Firenze e sono nati nel 2015 e - nelle intenzioni - hanno l'ambizione di puntare da subito ad un contesto internazionale. "An Ice Cream Man on the Moon" è un disco d'esordio che a conti fatti intrattiene piuttosto bene e che ha anche un'idea di suono abbastanza definita attorno alle coordinate del rock con spruzzate di psichedelia e pop qua e là e una componente dark che quando esce fuori al massimo (leggi "Human Skills") fa la differenza. L'album è prodotto bene, la scaletta è agile e non ci sono particolari scivoloni. Gli Anni Ottanta…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

Gli Handshake arrivano da Firenze e sono nati nel 2015 e – nelle intenzioni – hanno l’ambizione di puntare da subito ad un contesto internazionale. “An Ice Cream Man on...

Leggi Articolo »

DISTORSONIC Twisted Playgrounds

distorsonic
I Distorsonic sono un progetto di Maurizio Iorio nato a metà Anni Novanta. Un progetto che in "Twisted Playgrounds" vede l'autore (con Stefano Falcone ai tamburi) spaziare fra sonorità differenti: psichedelia, jazz, sperimentazione, noise, rock. Tutto è sospeso lungo la scaletta, gli appigli all'orecchiabilità sono pochi e le 9 tracce sono in prevalenza strumentali. Nonostante il taglio "alternativo", l'album ha una buonissima fruibilità e si arriva alla fine dell'ascolto senza particolare fatica. Ogni brano porta in dote una tensione emotiva che resta tale nel suo sviluppo e raramente esplode, e anche la tecnica non prende mai il sopravvento rispetto…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

I Distorsonic sono un progetto di Maurizio Iorio nato a metà Anni Novanta. Un progetto che in “Twisted Playgrounds” vede l’autore (con Stefano Falcone ai tamburi) spaziare fra sonorità differenti:...

Leggi Articolo »

BANANA JOE SuperVintage

banana joe supervintage
Tecnicamente molto bravi, non c'è che dire. "SuperVintage" ha diverse parti di chitarra che sono una gioia per l'ascoltatore: potenti, ben calibrate, che rimandano a un immaginario Anni Settanta che non è mai fuori moda nel rock contemporaneo. . Perché alla fine il loro debutto - in italiano - sembra più un disco di cover che un lavoro con una identità precisa, a fuoco. Questo per dire che le canzoni sono tutte gradevoli ma non hanno gambe solide per restare oltre i classici…

Score

QUALITA' - 54%

54%

54

Tecnicamente molto bravi, non c’è che dire. “SuperVintage” ha diverse parti di chitarra che sono una gioia per l’ascoltatore: potenti, ben calibrate, che rimandano a un immaginario Anni Settanta che...

Leggi Articolo »

BONSAI BONSAI Bonsai Bonsai Ep

bonsai bonsai ep
“Bonsai Bonsai Ep” è il primo lavoro del gruppo livornese, qui prodotto artisticamente da Daniele Catalucci (Virginiana Miller). Il sound della band guarda alla psichedelia Anni Settanta, con l'aggiunta di un po' di elettronica. La prima cosa che colpisce dei Bonsai Bonsai è che sanno suonare - sembra una banalità, ma non sono rari i casi in cui l'approssimazione sonora è sparsa a piene mani negli esordi. , perché al momento tendono a indugiare troppo con le parti sonore, come se fosse un loro obiettivo guardarsi allo specchio. Le…

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

“Bonsai Bonsai Ep” è il primo lavoro del gruppo livornese, qui prodotto artisticamente da Daniele Catalucci (Virginiana Miller). Il sound della band guarda alla psichedelia Anni Settanta, con l’aggiunta di un po’ di elettronica....

Leggi Articolo »

MONKEY ONECANOBEY Moco

monkey onecanobey moco
Sono in due: uno che ci mette voce e chitarra e l'altro va di beatbox. Sav e Phil sono stati sempre amici, fin dai tempi dell’asilo. Un giorno, Phil decide, così per scherzo, di iniziare a fare beatbox e tra un video e l’altro conosce Dave Crowe. Trasportato dal groove del beatboxer inglese propone a Sav, una mattina a scuola, di creare un progetto che fondesse la passione di Sav e il suo gusto per i generi rock/pop alla "Mouth Machine" di Phil. "Moco" è il disco d'esordio dei Monkey OneCanObey. In scaletta 8 brani che abbracciano il blues, la…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

Sono in due: uno che ci mette voce e chitarra e l’altro va di beatbox. Sav e Phil sono stati sempre amici, fin dai tempi dell’asilo. Un giorno, Phil decide, così...

Leggi Articolo »

NEKO AT STELLA Shine

neko at stella shine
Troviamo prima di tutto le coordinate: "Shine" sta in un incrocio fra rock americano, blues e psichedelia, e nel mezzo ci passano almeno tre decadi di suoni, ovvero gli Anni Settanta, gli Ottanta e i Novanta. Il disco dei Neko At Stella è un mix di suoni già sentiti ma che negli ultimi anni - in Italia - sono usciti dai radar della scena indipendente. Alle chitarre il compito di indicare la via, alla voce di Glauco Boato, invece, il merito di tenere in pista un album che in alcuni passaggi si guarda troppo alla specchio e sembra non voler tendere…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Troviamo prima di tutto le coordinate: “Shine” sta in un incrocio fra rock americano, blues e psichedelia, e nel mezzo ci passano almeno tre decadi di suoni, ovvero gli Anni...

Leggi Articolo »

OMZA Otto Maddox Zen Academy

omza otto maddox zen academy
Gli Omza arrivano da Trieste. E il loro "Otto Maddox Zen Academy" è un album che va subito al sodo: il rock proposto è infatti immediato e di facile ascolto, le chitarre sono molto espressive, le linee melodiche efficaci e rimandano ai grandi del genere: Beatles e Led Zeppelin su tutti. Apprezzabili anche le divagazioni verso i territori della psichedelia. In scaletta 9 episodi: la prima parte è notevole e asciutta quel tanto che basta per tenere alta l'attenzione dell'ascoltatore, la seconda perde qualcosina nel finale, penalizzata da qualche arrangiamento non azzeccato. Ma nel complesso il disco funziona e non annoia, ed ha…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Gli Omza arrivano da Trieste. E il loro “Otto Maddox Zen Academy” è un album che va subito al sodo: il rock proposto è infatti immediato e di facile ascolto, le chitarre sono...

Leggi Articolo »