IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Alternative > JULIE’S HAIRCUT

JULIE’S HAIRCUT In The Silence Electric

Potrebbe suonare male, ma lasciateci definire "In The Silence Electric" come il solito disco dei Julie’s Haircut. Laddove "solito" merita di essere associato a un concetto più ampio e strutturato: i Nostri hanno trovato da un pezzo un proprio stile e un percorso chiaro. Tutto ciò contribuisce a rendere le loro canzoni familiari, all'ascoltatore, anche quando sono nuove. . In scaletta 9 episodi per circa 42 minuti di spiritualità sonica, in costante equilibrio tra intensità extrasensoriale, estasi e rabbia, tra vago nichilismo e un rock che…

Score

QUALITA' - 75%

75%

75

julies haircut silence electricPotrebbe suonare male, ma lasciateci definire “In The Silence Electric” come il solito disco dei Julie’s Haircut. Laddove “solito” merita di essere associato a un concetto più ampio e strutturato: i Nostri hanno trovato da un pezzo un proprio stile e un percorso chiaro. Tutto ciò contribuisce a rendere le loro canzoni familiari, all’ascoltatore, anche quando sono nuove. Un privilegio che spetta solo a chi si è guadagnato, nel tempo, tanta credibilità.

In scaletta 9 episodi per circa 42 minuti di spiritualità sonica, in costante equilibrio tra intensità extrasensoriale, estasi e rabbia, tra vago nichilismo e un rock che purtroppo (almeno in Italia) si è ormai perso di vista, a vantaggio di proposte bruttamente scanzonate. “In The Silence Electric” è invece un album serio che si prende sul serio, un lavoro ipnotico, scuro, psichedelico, sperimentale.

“Until The Lights Go Out” è un singolo perfetto, perché ha immediatezza e mette in mostra la caratura dell’intero lavoro. Il resto della scaletta non può essere sezionato, è un viaggio unico – prendere o lasciare – lungo i bordi.

Fra le migliori cose uscite sul finire del 2019.

Tag