IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Jazz

Jazz

LO STRANO FRUTTO Lo Strano Frutto

lo strano frutto
Lo Strano Frutto è il progetto solista di Enrico Teno Cappozzo. Il Nostro è qui impegnato in un EP di 5 pezzi dove la chitarra si mescola talvolta al sax, creando un mix di rock cantautorale e jazz gradevole al primo ascolto - con ampie concessioni all'orecchiabilità. Quasi tutti i brani tengono botta, e nel complesso l'EP sta in piedi. Episodi come l'iniziale "Tutto bene (per adesso)" e "Le mie gambe fragili" hanno indiscutibilmente qualcosa da dire perché esaltano l'istrionismo vocale dell'autore, che si trova a suo agio quando i toni si alzano ed è così libero... di liberare…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

Lo Strano Frutto è il progetto solista di Enrico Teno Cappozzo. Il Nostro è qui impegnato in un EP di 5 pezzi dove la chitarra si mescola talvolta al sax,...

Leggi Articolo »

GUSTAVO Dischi volanti per il gran finale

gustavo
Arriviamo in colpevole ritardo a recensire questo “Dischi volanti per il gran finale”, debutto del progetto Gustavo. Si tratta di un concept album tratto da alcune poesie composte dall’autore, musicista e produttore, Francesco Tedesco, che hanno come protagonista un personaggio di fantasia nato nel 1797, chiamato appunto Gustavo. per provare ad andare oltre il classico "già sentito". L'alchimia funziona piuttosto bene, non a caso il disco scivola via che è una meraviglia e mette in evidenza una…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Arriviamo in colpevole ritardo a recensire questo “Dischi volanti per il gran finale”, debutto del progetto Gustavo. Si tratta di un concept album tratto da alcune poesie composte dall’autore, musicista...

Leggi Articolo »

JUJU Maps And Territory

juju maps territory
Ci piacciono sempre questi dischi che prendono il rock e lo imbastardiscono con fascinazioni varie e diverse: dal folk, al jazz, alla sperimentazione, passando per un'idea di pop che è lontanissima, ovviamente, dalla rima cuore/amore. "Maps And Territory" è un disco interessante per tre motivi: . Tutto l'album ruota principalmente attorno a Gioele Valenti, che ha scritto, suonato, registrato e mixato le 6 tracce in scaletta. Il brano migliore? "Archontes Take Control" perché è…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Ci piacciono sempre questi dischi che prendono il rock e lo imbastardiscono con fascinazioni varie e diverse: dal folk, al jazz, alla sperimentazione, passando per un’idea di pop che è...

Leggi Articolo »

DISTORSONIC Twisted Playgrounds

distorsonic
I Distorsonic sono un progetto di Maurizio Iorio nato a metà Anni Novanta. Un progetto che in "Twisted Playgrounds" vede l'autore (con Stefano Falcone ai tamburi) spaziare fra sonorità differenti: psichedelia, jazz, sperimentazione, noise, rock. Tutto è sospeso lungo la scaletta, gli appigli all'orecchiabilità sono pochi e le 9 tracce sono in prevalenza strumentali. Nonostante il taglio "alternativo", l'album ha una buonissima fruibilità e si arriva alla fine dell'ascolto senza particolare fatica. Ogni brano porta in dote una tensione emotiva che resta tale nel suo sviluppo e raramente esplode, e anche la tecnica non prende mai il sopravvento rispetto…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

I Distorsonic sono un progetto di Maurizio Iorio nato a metà Anni Novanta. Un progetto che in “Twisted Playgrounds” vede l’autore (con Stefano Falcone ai tamburi) spaziare fra sonorità differenti:...

Leggi Articolo »

VALENTE Il blu di ieri

valente il blu di ieri
E' un buon disco "Il blu di ieri". Valente attinge a piene mani da una stagione - quella degli Anni Ottanta - che ancora oggi continua a trasmettere semi vitali, ma il suo lavoro non sa di vecchio, perché nell'arrangiamento dei brani si è scelta una strada coraggiosa. Ecco quindi che la scaletta è invasa da un rock che si piega qua e là ai voleri della new wave, del pop, dell'elettronica, della canzone d'autore moderna e anche del jazz, complice un sassofono perfetto che entra nei momenti giusti arricchendo i brani. "Il blu di ieri" è un buon…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

E’ un buon disco “Il blu di ieri“. Valente attinge a piene mani da una stagione – quella degli Anni Ottanta – che ancora oggi continua a trasmettere semi vitali,...

Leggi Articolo »

PATERLINI Fuori tempo massimo

paterlini fuori tempo massimo
"Fuori tempo massimo" vede la supervisione artistica di Daniele “Bengi” Benati dei Ridillo e si muove fra jazz, pop, cantautorato e semplicità. Quelle di Emiliano Paterlini sono canzoni da Festival di Sanremo, non il Festival ingessato di trent'anni fa, ma quello che ogni tanto sa tirare fuori dal cilindro qualcosa di interessante partendo da posizioni dove la forma-canzone è valorizzata al massimo della sua espressione. Figlio d’arte (il padre CarloAlberto Paterlini era nel Clan Celentano), Emiliano propone un mix sonoro che rende omaggio a un cantautorato di cui si sono un po' perse le tracce in ambito indipendente, quindi atmosfere leggere, un tocco di eleganza qua e là e ritornelli killer.…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

“Fuori tempo massimo” vede la supervisione artistica di Daniele “Bengi” Benati dei Ridillo e si muove fra jazz, pop, cantautorato e semplicità. Quelle di Emiliano Paterlini sono canzoni da Festival di Sanremo, non il Festival ingessato di...

Leggi Articolo »

ELOISA ATTI Edges

eloisa atti edges
Partiamo dalle note negative: perché allungare così tanto il brodo e appesantire canzoni comunque valide nella loro semplicità? "Edges" è stato vittima, in fase produttiva, del classico "eccesso di generosità", cioè della voglia di lavorare per addizione piuttosto che per sottrazione. Il risultato? Un disco carino, ma che poteva essere molto più efficace se si fosse lavorato di lima e martello. "Edges" è un lavoro che mescola country, folk, blues, deviazioni jazz, tutte cose che rimandano al tipico immaginario americano. E' un disco che non ha colpi di genio, ma che è piuttosto solido. La voce di Eloisa Atti è…

Score

QUALITA' - 63%

63%

63

Partiamo dalle note negative: perché allungare così tanto il brodo e appesantire canzoni comunque valide nella loro semplicità? “Edges” è stato vittima, in fase produttiva, del classico “eccesso di generosità”,...

Leggi Articolo »

PRISCILLA BEI Facciamo finta che sia andato tutto bene

priscilla bei facciamo finta sia andato bene
Un po' di sensazioni dopo il primo ascolto: il suono è moderno, la lezione di Meg (e/o di Björk) si allunga su quasi tutti i brani e sui testi bisogna ancora lavorare. Dopo l'impatto iniziale, invece, "Facciamo finta che sia andato tutto bene" dice che l'esordio della cantautrice romana Priscilla Bei è una buona cosa. Il suo è un album di pop, ma dentro ci sono fascinazioni varie e diverse: dall'elettronica al reggae. .…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

Un po’ di sensazioni dopo il primo ascolto: il suono è moderno, la lezione di Meg (e/o di Björk) si allunga su quasi tutti i brani e sui testi bisogna...

Leggi Articolo »

NORDGARDEN Changes

nordgarden changes
Conosciamo Terje dai tempi del suo esordio prodotto da Paolo Benvegnù. Era il 2003. E quel disco conteneva un pezzo potentissimo come "2nd Flight". Era un Terje diverso da quello che poi è diventato e da quello che è tutt'oggi. Era più istintivo e molto più vicino al rock, oggi ha pieno possesso delle sue doti, maneggia la sua musica con disinvolta padronanza e da qualche anno ha imboccato la strada del folk e del blues. "Changes" è un album solido che, oltre agli ingredienti forti della casa, non disdegna puntate nei territori del jazz e del soul, perché Nordgarden non…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

Conosciamo Terje dai tempi del suo esordio prodotto da Paolo Benvegnù. Era il 2003. E quel disco conteneva un pezzo potentissimo come “2nd Flight”. Era un Terje diverso da quello che poi...

Leggi Articolo »

CHRYSTA BELL We Dissolve

chrysta bell we dissolve
David Lynch stravede per lei. E per il suo nuovo lavoro, l'enigmatica Chrysta Bell ha goduto della partecipazione di John Parish alla produzione: la presenza dello storico collaboratore di PJ Harvey è discreta ma si sente. Altra cosa: nella nuova edizione di "Twin Peaks", la cantautrice americana avrà un suo spazio. Insomma, questi dettagli sono utili per inquadrare l'immaginario dentro il quale si muove "We Dissolve", che è un compact solido, senza grosse sbavature e con diverse canzoni che dimostrano di possedere personalità. La nostra preferita è "Over You", ma occhio anche a "Beautiful". Si tratta di un disco pop con…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

David Lynch stravede per lei. E per il suo nuovo lavoro, l’enigmatica Chrysta Bell ha goduto della partecipazione di John Parish alla produzione: la presenza dello storico collaboratore di PJ Harvey è...

Leggi Articolo »