IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Electro > STILEX

STILEX Post Hit

“Post Hit” ci dice essenzialmente una cosa, anzi, ci ricorda che jazz e musica elettronica possono convivere. Negli Anni Novanta era facile tenere a mente il concetto, in questi Anni Duemila, invece, abbiamo perso la bussola perché il genere è stato un po' snobbato dalle produzioni. Stilex, nome dietro il quale si cela il trombettista campano Vito Gargano, non inventa nulla con la sua musica, ma ciò che propone all'ascoltatore è un menù fatto di sette tracce diverse fra loro ma con uno stile abbastanza riconoscibile. Ci piace moltissimo la prima parte, più misteriosa, più oscura, piena di ritmi…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

stilex

Post Hit” ci dice essenzialmente una cosa, anzi, ci ricorda che jazz e musica elettronica possono convivere. Negli Anni Novanta era facile tenere a mente il concetto, in questi Anni Duemila, invece, abbiamo perso la bussola perché il genere è stato un po’ snobbato dalle produzioni.

Stilex, nome dietro il quale si cela il trombettista campano Vito Gargano, non inventa nulla con la sua musica, ma ciò che propone all’ascoltatore è un menù fatto di sette tracce diverse fra loro ma con uno stile abbastanza riconoscibile. Ci piace moltissimo la prima parte, più misteriosa, più oscura, piena di ritmi che restano in testa al primissimo ascolto. La seconda parte è più di intrattenimento e più accessibile. Questione di gusti, sarebbe sbagliato farne una questione oggettiva. E’ oggettivo, invece, il consiglio di ascoltare l’album di notte: la magia è assicurata.

Tag