IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Strumentale

Strumentale

NORTHWAY The Hovering

northway
E' una bellissima notizia che in Italia ci sia ancora qualcuno che fa del post-rock, gente che non si è piegata al rap, alla trap o all'indie. Ecco che dunque i bergamaschi Northway vanno visti un po' come i Panda: una specie a forte rischio di estinzione. Tolta la premessa (doverosa) veniamo alla recensione. "The Hovering" è un disco suonato ottimamente, con una buonissima tecnica, al quale però manca qualcosa, un azzardo, un cambio di registro. Nel senso che i Nostri riproducono alla grande le fascinazioni internazionali del genere sia nei giri di chitarra che di basso, ma tendono…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

E’ una bellissima notizia che in Italia ci sia ancora qualcuno che fa del post-rock, gente che non si è piegata al rap, alla trap o all’indie. Ecco che dunque...

Leggi Articolo »

FRANCESCO ZIELLO Nine Hundred Fifty Seven

francesco ziello
Ostico e coraggioso. "Nine Hundred Fifty Seven" è l'album d'esordio del musicista polistrumentista e compositore elettroacustico romano Francesco Ziello, ed è un disco di non facile ascolto, perché le mani tese verso l'utente sono poche e sovente la sensazione è quella di essere lo "spettatore" ad un saggio. Anzi, l'invitato sgradito, quello che deve farsene una ragione oppure accomodarsi fuori. In scaletta 14 stazioni per 43 minuti di musica sperimentale, contemporanea, strumentale ed elettronica che si concentra sullo sviluppo di un mondo immaginario interiore. Un'idea coraggiosa, che però è qui processata con troppi alti e bassi, finanche con un…

Score

QUALITA' - 57%

57%

57

Ostico e coraggioso. “Nine Hundred Fifty Seven” è l’album d’esordio del musicista polistrumentista e compositore elettroacustico romano Francesco Ziello, ed è un disco di non facile ascolto, perché le mani...

Leggi Articolo »

LUMI May the goddess unearth me

lumi
"May the goddess unearth me" è un disco (strumentale) di musica classica... elettronica. E' un album cinematografico. Anzi, ascoltandolo si resta persino un pochino spiazzati dal non poterci abbinare delle immagini o comunque un immaginario visivo di riferimento. Certo, si può ascoltare più e più volte per coglierne la qualità delle trame sonore, ma alla fine i sensi restano insoddisfatti. Quello dei siciliani Lumi è un viaggio introspettivo che incuriosisce per la contaminazione tra classica, minimalismo ed elettronica. "May the goddess unearth me" si snoda attraverso sei composizioni che raccontano una storia suddivisa in quattro momenti cardine: Incontro, Dono,…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

“May the goddess unearth me” è un disco (strumentale) di musica classica… elettronica. E’ un album cinematografico. Anzi, ascoltandolo si resta persino un pochino spiazzati dal non poterci abbinare delle...

Leggi Articolo »

EMANUELE VIA & CHARLIE T Resina

emanuele via charlie t resina
Siamo sempre restii nel recensire dischi italiani strumentali, non per snobismo, ma perché mediamente sono noiosi o pretenziosi o banali o tutte e tre le cose. Quindi è un comparto che preferiamo frequentare senza logica di continuità. E senza logica di continuità eccoci approdati a questo "Resina", album strumentale che segna l’esordio di questo progetto nato dall’incontro tra il pianista Emanuele Via (membro degli Eugenio in Via Di Gioia) e il quartetto Charlie T, composto da Matteo Mandurrino (violino), Chiara Di Benedetto (violoncello), Fortunato D'Ascola (contrabbasso), Antonella De Franco (arpa). Il disco è dedicato al legno, il materiale di cui sono fatti gli strumenti…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Siamo sempre restii nel recensire dischi italiani strumentali, non per snobismo, ma perché mediamente sono noiosi o pretenziosi o banali o tutte e tre le cose. Quindi è un comparto...

Leggi Articolo »

NICOLA DENTI Egosfera

nicola denti
“Egosfera” è un concept album interamente strumentale che utilizza le suggestioni della musica per narrare una storia, in parte autobiografica: il viaggio di Ekow verso Egosfera. Quello di Nicola Denti, musicista di lungo corso, è un lavoro ambizioso nel solco di un certo rock psichedelico che purtroppo negli ultimi anni si è un po' rintanato nelle nicchie e che - rispetto agli Anni 60 e 70 - ha perso il giusto feeling con il pubblico più ampio. Il viaggio di Denti si compone di due tappe come il disco si compone di due parti. Ogni brano è ispirato a una…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

“Egosfera” è un concept album interamente strumentale che utilizza le suggestioni della musica per narrare una storia, in parte autobiografica: il viaggio di Ekow verso Egosfera. Quello di Nicola Denti, musicista...

Leggi Articolo »

IL SILENZIO DELLE VERGINI Fiori Recisi

silenzio vergini
“Fiori Recisi” è il terzo lavoro in studio de Il Silenzio Delle Vergini, ed ha un taglio molto cinematografico: la forma-canzone viene destrutturata e riempita di rumore psichedelico e frasi recitate. Non è un disco di facilissima fruizione, anche perché gli appigli, nell'immediato, sono pochini, ma con il passare degli ascolti si arriva a comprendere meglio il senso delle 9 tracce in scaletta e a definirne i contorni. .

Score

QUALITA' - 59%

59%

59

“Fiori Recisi” è il terzo lavoro in studio de Il Silenzio Delle Vergini, ed ha un taglio molto cinematografico: la forma-canzone viene destrutturata e riempita di rumore psichedelico e frasi recitate....

Leggi Articolo »

FRANCESCO INCANDELA Flow Vol. 1

francesco incandela
"Flow Vol. 1" è un disco di qualità, perché riesce a dialogare subito con l'ascoltatore, portandolo lungo saliscendi cinematografici che rendono l'ascolto prima di tutto un viaggio sulle note della fantasia. In scaletta cinque brani strumentali, con il violino al centro come narratore e sviluppatore di storie sonore. Vari i paesaggi musicali che si alternano: minimalismo, loop, suoni mediterranei, sonorità filmiche con improvvise virate prog rock in cui è sempre il violino a cambiare pelle. L'ascolto è estremamente piacevole e nello sviluppo dei brani c'è spesso un accento epico, come se la narrazione emotiva fosse più importante della tecnica…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

“Flow Vol. 1” è un disco di qualità, perché riesce a dialogare subito con l’ascoltatore, portandolo lungo saliscendi cinematografici che rendono l’ascolto prima di tutto un viaggio sulle note della...

Leggi Articolo »

GIAN MARCO CASTRO Out of the Past

gian marco castro
Gian Marco Castro è un giovane compositore e pianista siciliano, qui al suo album d’esordio. “Out of the Past” è un lavoro intimo, confidenziale, delicato, dove comanda il pianoforte e intervengono gli archi a tenere uniti gli angoli. E' un disco molto... cinematografico, nel senso che probabilmente con l'accompagnamento di immagini renderebbe di più, perché - e qui sta il suo limite - tende a essere un po' troppo ripetitivo nelle atmosfere, soprattutto nella prima parte dell'ascolto. E' come se la magia delle prime tracce diventasse - strada facendo - il regalo senza la sorpresa, la lampadina che non si…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

Gian Marco Castro è un giovane compositore e pianista siciliano, qui al suo album d’esordio. “Out of the Past” è un lavoro intimo, confidenziale, delicato, dove comanda il pianoforte e intervengono...

Leggi Articolo »

PINO NUVOLA Fremor Arborum

pino nuvola
"Fremor Arborum" è un gradevole viaggio nei territori del folk. Gradevole perché - mancando i testi - i progetti strumentali o stanno in piedi oppure annoiano a morte, e qui dobbiamo dire che le cose funzionano piuttosto bene, perché lungo i 9 episodi presenti in scaletta non ci sono mai grosse sbavature o scivoloni terribili. La proposta di Pino Nuvola cammina spedita guardando con ammirazione l'America, ma mostrando anche una sensibilità tutta europea per la melodia. Ecco così che si arriva al termine dei 36 minuti di ascolto convinti e consapevoli di aver valorizzato al meglio il proprio tempo…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

“Fremor Arborum” è un gradevole viaggio nei territori del folk. Gradevole perché – mancando i testi – i progetti strumentali o stanno in piedi oppure annoiano a morte, e qui...

Leggi Articolo »

DISTORSONIC Twisted Playgrounds

distorsonic
I Distorsonic sono un progetto di Maurizio Iorio nato a metà Anni Novanta. Un progetto che in "Twisted Playgrounds" vede l'autore (con Stefano Falcone ai tamburi) spaziare fra sonorità differenti: psichedelia, jazz, sperimentazione, noise, rock. Tutto è sospeso lungo la scaletta, gli appigli all'orecchiabilità sono pochi e le 9 tracce sono in prevalenza strumentali. Nonostante il taglio "alternativo", l'album ha una buonissima fruibilità e si arriva alla fine dell'ascolto senza particolare fatica. Ogni brano porta in dote una tensione emotiva che resta tale nel suo sviluppo e raramente esplode, e anche la tecnica non prende mai il sopravvento rispetto…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

I Distorsonic sono un progetto di Maurizio Iorio nato a metà Anni Novanta. Un progetto che in “Twisted Playgrounds” vede l’autore (con Stefano Falcone ai tamburi) spaziare fra sonorità differenti:...

Leggi Articolo »