IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Alternative > PIQUED JACKS

PIQUED JACKS Synchronizer

"Synchronizer" ci dice due cose dei Piqued Jacks: quando il ritmo sale, infilano una potenziale hit dietro l'altra e dimostrano di aver fatto propria la lezione delle rock band inglesi; quando invece c'è da confrontarsi con le ballate, con quella capacità tipicamente italiana di piegare la melodia, allora i colpi restano in canna, tanto che ascoltando certi pezzi di questo terzo disco della band toscana si finisce per restare spiazzati da una differenza così netta fra brani ritmicamente sì diversi, ma dopo tutto figli della stessa radice. La scaletta è perfetta. L'iniziale "Golden Mine" è un ottimo biglietto da…

Score

QUALITA' - 69%

69%

69

piqued jacks synchronizer

Synchronizer” ci dice due cose dei Piqued Jacks: quando il ritmo sale, infilano una potenziale hit dietro l’altra e dimostrano di aver fatto propria la lezione delle rock band inglesi; quando invece c’è da confrontarsi con le ballate, con quella capacità tipicamente italiana di piegare la melodia, allora i colpi restano in canna, tanto che ascoltando certi pezzi di questo terzo disco della band toscana si finisce per restare spiazzati da una differenza così netta fra brani ritmicamente sì diversi, ma dopo tutto figli della stessa radice.

La scaletta è perfetta. L’iniziale “Golden Mine” è un ottimo biglietto da visita, mentre la successiva “Every Day Special” se l’avessero scritta i Kasabian saremmo qui a incensare le proverbiali capacità straniere di fare rock con un passo diverso dal nostro e invece è un pezzo orgogliosamente italiano con un respiro europeo. Un altro pezzo attuale è “Purgatory Law” che sembra uscito da una session dei Maroon 5. Mentre “Fire Brigade” dà valore alla seconda parte del compact.

In conclusione: un lavoro molto distante dalle solite cose che si sentono in Italia in ambito rock, un bel modo di fare vedere all’estero cosa siamo capaci di fare. E pazienza se il disco è stato lavorato in cabina di regia da mani inglesi, questo semmai è un valore aggiunto, non certo un torto all’italianità del progetto.

Tag