IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Folk

Folk

FERRO SOLO Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando - Part 1

ferro solo
"Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando - Part 1" è l’album di debutto di Ferro Solo, ovvero Ferruccio Quercetti, da più di vent’anni chitarrista e cantante dei Cut, storica band di blues/punk/noise di stanza a Bologna. Il disco è un viaggio (piacevole) attorno alle coordinate del rock americano, con divagazioni nei territori del folk, del blues e ampie concessioni alla melodia, con brani come l'iniziale "It's a girl" (un pezzone), "Perfect Stranger", "Doppelgänger" oppure "He Spies" che danno la giusta misura del compact. Sinceramente le 12 canzoni in scaletta ci sono piaciute al primo ascolto,…

Score

QUALITA' - 68%

68%

68

“Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando – Part 1” è l’album di debutto di Ferro Solo, ovvero Ferruccio Quercetti, da più di vent’anni chitarrista e cantante...

Leggi Articolo »

ALICE TAMBOURINE LOVER Down Below

alice tambourine lover
Chiunque scriverà male di questo album - sappiatelo - dimostrerà automaticamente tre cose: uno spiccato cattivo gusto, un'incapacità (altrettanto spiccata) di riconoscere il bello e una evidente (o spiccata, per restare in tema) malafede. Questo per dire che "Down Below" è un disco oggettivamente interessante, bello, scritto e prodotto bene, al quale forse manca un singolo forte, cioè capace di andare oltre il circuito indipendente. Per carità, il compact ha pezzi come "Follow" e "Train" che sono estremamente validi, ma per andare oltre certi recinti ci vogliono - ahinoi - pezzi più ruffiani. In scaletta 8 episodi per circa…

Score

QUALITA' - 70%

70%

70

Chiunque scriverà male di questo album – sappiatelo – dimostrerà automaticamente tre cose: uno spiccato cattivo gusto, un’incapacità (altrettanto spiccata) di riconoscere il bello e una evidente (o spiccata, per...

Leggi Articolo »

FABRIZIO CAMMARATA Lights

fabrizio cammarata lights
La copertina di "Lights" è bruttina, ma è il classico caso di "abito & monaco", cioè: non fermatevi all'estetica, perché è il contenuto il pezzo forte di questo lavoro veramente bello, solido, maturo, tra folk, canzone d'autore e grandi melodie che avvolgono l'ascoltatore fin dalle primissime battute. . Quando un disco funziona - non ci stancheremo mai di ripeterlo - lo capisci dopo 4/5 canzoni, non servono…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

La copertina di “Lights” è bruttina, ma è il classico caso di “abito & monaco”, cioè: non fermatevi all’estetica, perché è il contenuto il pezzo forte di questo lavoro veramente...

Leggi Articolo »

FOLLOWTHERIVER Blankets & Bumblebees

followtheriver
Al momento ci facciamo andare bene il contorno, ovvero l'ottimo cantato, la produzione, il mixaggio, ci accontentiamo anche di una traccia bellissima come "Heavy Stone" e accettiamo pure tutti quegli spazi che Filippo Ghiglione ha deciso di piazzare dentro il suo nome d'arte e che noi - bellamente - abbiamo eliminato. Ma dal folk elettronico di Followtheriver vogliamo aspettarci di più, perché prima o poi i conti con il suo lato melodico dovrà farli. , come se la forma,…

Score

QUALITA' - 62%

62%

62

Al momento ci facciamo andare bene il contorno, ovvero l’ottimo cantato, la produzione, il mixaggio, ci accontentiamo anche di una traccia bellissima come “Heavy Stone” e accettiamo pure tutti quegli...

Leggi Articolo »

SAMMARCO La Parte Migliore

sammarco
Le canzoni di Sammarco sono semplici, dirette, essenziali. Musica e parole. Folk e cantautorato, con qualche spruzzata di pop. "La Parte Migliore" è un esordio velocissimo, da prendere o lasciare: 7 pezzi per 21 minuti di musica, brani che parlano di intimità da portare all'attenzione di un pubblico per provare a offrire un punto di vista, non per celebrarsi. La melodia permette alle canzoni di girare a mille, sostenute da una buona tecnica e da una scrittura efficace. "L'importante è non morire" è forse l'episodio che meglio fotografa il talento di Sammarco, .…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

Le canzoni di Sammarco sono semplici, dirette, essenziali. Musica e parole. Folk e cantautorato, con qualche spruzzata di pop. “La Parte Migliore” è un esordio velocissimo, da prendere o lasciare:...

Leggi Articolo »

CAMPOS Umani, vento e piante

campos
"Umani, vento e piante" è un disco di pop, folk, elettronica che per il panorama italiano è merce rara, perché solitamente album così ben prodotti e assemblati (nel suono) siamo abituati a trovarli sugli scaffali stranieri, oppure a comprarli d'importazione in Italia. Questo per dire che è un lavoro rischioso per il mercato nostrano e - ahinoi, inevitabilmente - destinato a un pubblico di nicchia. Peccato, perché la forza di questi dischi sta nella loro capacità di aprirti la mente, di proiettarti su panorami nuovi e meno battuti, che lambiscono la sperimentazione. A noi il nuovo lavoro dei pisani…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

“Umani, vento e piante” è un disco di pop, folk, elettronica che per il panorama italiano è merce rara, perché solitamente album così ben prodotti e assemblati (nel suono) siamo...

Leggi Articolo »

NERO KANE Love in a dying world

nero kane love in a dying world
Nero Kane (all'anagrafe Marco Mezzadri) è un musicista milanese che con la sua voce e la sua chitarra batte i territori del folk-rock-blues, con ampia fiducia nei panorami desertici americani. Il suo "Love in a dying world" è un muoversi lento e inesorabile dentro la notte. Non ci sono aperture di credito alla luce, e il disco ha un mood così preciso che persino l'ascolto diurno infastidisce. "Love in a dying world" è un album notturno, fatto per anime notturne, ideale per chi ha smarrito la strada ma non vuole perdere contatto con la realtà, con i ricordi, con l'auspicio di…

Score

QUALITA' - 71%

71%

71

Nero Kane (all’anagrafe Marco Mezzadri) è un musicista milanese che con la sua voce e la sua chitarra batte i territori del folk-rock-blues, con ampia fiducia nei panorami desertici americani. Il...

Leggi Articolo »

LA NOTTE DELLE STREGHE Klondike

la notte delle streghe klondike
Un po' De Andrè, un po' Le luci della centrale elettrica. Ma è solo un gioco di rimandi, perché "Klondike" vive di luce propria, è un disco che si basa su tre cardini: ha qualcosa da dire, propone un folk cantautorale moderno, è cantato ottimamente. L'album solista del cantautore bolognese Marco Degli Esposti, in arte La Notte delle Streghe, convince dal primo all'ultimo brano, nonostante un paio di episodi richiedano all'ascoltatore il massimo dell'attenzione, perché extralarge e distanti dalla classica struttura-canzone di 4 minuti. Marco Degli Esposti esagera, libera una poetica generosa di spunti narrativi e premia la pazienza dell'ascoltatore…

Score

QUALITA' - 76%

76%

76

Un po’ De Andrè, un po’ Le luci della centrale elettrica. Ma è solo un gioco di rimandi, perché “Klondike” vive di luce propria, è un disco che si basa...

Leggi Articolo »

KROS Rough Romances

kros rough romances
Quello dei Kros è un errore che fanno in tanti in ambito indipendente, specialmente quando sono agli esordi, cioè concentrarsi troppo sull'atmosfera, sull'insieme, perdendo di vista la banalissima idea che una canzone debba prima di tutto avere una propria matrice, una forza in grado di trovare asilo in un ambiente che ormai sforna brani a getto continuo. Questo per dire che "Rough Romances" è un album di folk-rock-elettronica che non è né carne né pesce, troppo moscio per sorprendere, privo di rischi per spiccare il volo. In scaletta 5 brani per una ventina di minuti di musica. Quasi tutti…

Score

QUALITA' - 47%

47%

47

Quello dei Kros è un errore che fanno in tanti in ambito indipendente, specialmente quando sono agli esordi, cioè concentrarsi troppo sull’atmosfera, sull’insieme, perdendo di vista la banalissima idea che...

Leggi Articolo »

SILENT CARNIVAL Somewhere

silent carnival somewhere
“Somewhere” è il terzo album di Silent Carnival, creatura sonora che Marco Giambrone ha cresciuto a partire dal 2012. Il disco rimanda a un folk desertico, a un cantautorato di matrice inglese. Ma più delle coordinate sonore, conta l'atmosfera. Perché "Somewhere" è un album con un suo mood ben preciso, un marchio di fabbrica che contraddistingue in positivo l'intera scaletta. Parliamo di una sensazione di vertigine a contatto con il vuoto, di uno stato di gradevole malinconia che ristora ed esalta. Perché dunque un voto così stringato? Perché crediamo che sulla melodia, Giambrone, possa ancora lavorare per rendere le…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

“Somewhere” è il terzo album di Silent Carnival, creatura sonora che Marco Giambrone ha cresciuto a partire dal 2012. Il disco rimanda a un folk desertico, a un cantautorato di...

Leggi Articolo »