IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Folk

Folk

GIANGRANDE Beehives of Resistance

giangrande beehives resistance
Direttamente dalla cartella stampa dell'artista: Massimo Giangrande è uno dei più originali ed interessanti musicisti italiani che ha raggiunto un seguito ed una visibiltà grazie alle sue canzoni toccanti ed ispirate unite alle liriche intense e all’influenza di sonorità d’oltreoceano come Jeff Buckley, Nick Drake, Elliott Smith. A volte le cartelle stampa raccontano delle palle, ma in questo caso è vero: l'ispirazione di Giangrande nasce da quei personaggi appena menzionati. E ovviamente ciò porta in dote anche il rischio grosso di apparire derivativo, soprattutto in un genere come il folk che se approcciato in maniera diretta non consente grosse…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

Direttamente dalla cartella stampa dell’artista: Massimo Giangrande è uno dei più originali ed interessanti musicisti italiani che ha raggiunto un seguito ed una visibiltà grazie alle sue canzoni toccanti ed...

Leggi Articolo »

STEFANELLI No Coffee

stefanelli
Stefanelli, già bassista dei Blindur e cantante co-fondatore del gruppo Kafka Sulla Spiaggia, arriva qui al primo EP da solista, dal titolo "No Coffee". . Il risultato è un lavoro che ha il grosso difetto di dialogare poco con l'ascoltatore e di rimanere troppo nel proprio mondo. Ok che è stato registrato tra aprile e maggio 2020 - pieno lockdown - ma un po' di sole (fuor di metafora: una maggior attenzione alle melodie) avrebbe sicuramente giovato all'EP.

Score

QUALITA' - 54%

54%

54

Stefanelli, già bassista dei Blindur e cantante co-fondatore del gruppo Kafka Sulla Spiaggia, arriva qui al primo EP da solista, dal titolo “No Coffee“. Il lavoro mette in vetrina un...

Leggi Articolo »

MOTTA Semplice

motta semplice
Nella storia della musica la letteratura è piena di artisti che hanno creduto di avere - esatto, creduto di avere - un immaginario così forte da non poter fare a meno di declinarlo in forme di autoreferenzialità sempre più sofisticata. . Ecco, "Semplice" è un album contagiato da questo virus. Ma anche il precedente lavoro di Motta lo era, e probabilmente - ma qui siamo a ipotesi azzardate - lo sarebbe stato anche lo spettacolare esordio del…

Score

QUALITA' - 48%

48%

48

Nella storia della musica la letteratura è piena di artisti che hanno creduto di avere – esatto, creduto di avere – un immaginario così forte da non poter fare a...

Leggi Articolo »

LOU MORNERO Grilli

lou mornero grilli
C'è un immaginario sonoro ampio, in questo "Grilli": Depeche Mode, David Bowie, anche un po' di David Sylvian, poi rock, folk, blues. La title track - posta all'inizio - è un biglietto da visita che dice parecchio delle intenzioni di Lou Mornero: incedere solenne, testo asciutto, un mantra da processione. La successiva "La cosa vuota" è più strutturata e ha una forma-canzone più chiara e classica ma l'atmosfera resta solenne, piacevolmente snob, con accenti blues che riportano la memoria dell'ascoltatore a certi panorami americani con il rosso del Sole a scaldare i deserti più aridi. E' un pezzo fortissimo,…

Score

QUALITA' - 64%

64%

64

C’è un immaginario sonoro ampio, in questo “Grilli“: Depeche Mode, David Bowie, anche un po’ di David Sylvian, poi rock, folk, blues. La title track – posta all’inizio – è...

Leggi Articolo »

LANA DEL REY Chemtrails Over The Country Club

lana del rey chemtrails
"Chemtrails Over The Country Club" ci obbliga a ripeterci. E ci rendiamo conto che potrebbe sembrare di parte parlare sempre bene dei dischi di Lana Del Rey. Il rischio di apparire fans più che recensori obiettivi lo accettiamo, forti del fatto che anche volendo, faremmo fatica a parlar male di questo settimo lavoro in studio dell'artista americana. "Chemtrails Over The Country Club" è un disco di canzoni, essenziali. L'elettronica è quasi assente e tutto ruota attorno a Lana e Jack Antonoff che hanno co-scritto le 11 tracce in scaletta cercando di creare un equilibrio fra pop e folk. Per…

Score

QUALITA' - 80%

80%

80

“Chemtrails Over The Country Club” ci obbliga a ripeterci. E ci rendiamo conto che potrebbe sembrare di parte parlare sempre bene dei dischi di Lana Del Rey. Il rischio di...

Leggi Articolo »

NERO KANE Tales of Faith and Lunacy

nero kane tales
C'è chi lo cerca, c'è chi crede di averlo e c'è chi ce l'ha. Ecco, Nero Kane ha uno stile, lui ce l'ha. La sua musica ha un profilo chiaro, definito, che attinge da un certo immaginario - un dark/folk tanto caro alle primissime cose di Nick Cave, giusto per citare un esempio fra i tanti possibili. "Tales of Faith and Lunacy" è un album compatto, che potrebbe persino essere letto come una traccia unica, una lunga traccia di 37 minuti dove l'atmosfera è cupa ma non pallosa e neppure autoreferenziale. Nero Kane tiene aperta la porta all'ascoltatore che…

Score

QUALITA' - 73%

73%

73

C’è chi lo cerca, c’è chi crede di averlo e c’è chi ce l’ha. Ecco, Nero Kane ha uno stile, lui ce l’ha. La sua musica ha un profilo chiaro,...

Leggi Articolo »

ROBBÈ Vecchie cicatrici

robbe
Ha una bella penna, Robbè. Nel senso che ha proprietà di linguaggio, ma il suo "Vecchie cicatrici" paga a caro prezzo - nel giudizio - la presenza di arrangiamenti tali da renderlo un lavoro molto, molto derivativo, finanche... vecchio, una riproposizione senza guizzi delle lezioni (musicali) dei Maestri, con Guccini in testa. Ecco che quindi l'ascolto delle 12 canzoni in scaletta si fa subito pesante, e impossibile da replicare a stretto giro. Noi - per la cronaca - l'abbiamo ascoltato quattro volte, e alla fine abbiamo sempre avuto l'impressione di un disco troppo ancorato al passato, quasi un omaggio…

Score

QUALITA' - 50%

50%

50

Ha una bella penna, Robbè. Nel senso che ha proprietà di linguaggio, ma il suo “Vecchie cicatrici” paga a caro prezzo – nel giudizio – la presenza di arrangiamenti tali...

Leggi Articolo »

DEUT A Running Start

deut
"A Running Start" è l’EP di esordio di Deut, progetto solista di Giuseppe Vitale. L’EP è composto da 5 brani caratterizzati da un folk dove la melodia cerca di puntellare i contorni, nel tentativo di creare un ponte tra fascinazioni straniere "già sentite" e la sensibilità tipica degli italiani di lavorare l'orecchiabilità in maniera speciale, unica, particolare. L'alchimia funziona a fasi alterne, . Insomma, in futuro…

Score

QUALITA' - 58%

58%

58

“A Running Start” è l’EP di esordio di Deut, progetto solista di Giuseppe Vitale. L’EP è composto da 5 brani caratterizzati da un folk dove la melodia cerca di puntellare i...

Leggi Articolo »

HIBOU MOYEN Lumen

hibou moyen
Hibou Moyen, al secolo Giacomo Radi, arriva con "Lumen" a esprimere un bell'immaginario poetico, ma se lo avessimo davanti ci verrebbe spontaneo chiedergli il motivo di questi arrangiamenti pomposi e invadenti chiamati a diluire il prodotto sino a renderlo troppo cerebrale e poco istintivo. Il folk cantautorale dell'artista qui si sviluppa lungo 11 tappe per un totale di 44 minuti di musica. Radi canta meravigliosamente bene, ha proprietà di linguaggio e sembra un artista con un potenziale ancora inespresso. "Lumen", come detto, ha il grosso limite di aggiungere troppa parte musicale/strumentale a canzoni che probabilmente in forma ancora più…

Score

QUALITA' - 54%

54%

54

Hibou Moyen, al secolo Giacomo Radi, arriva con “Lumen” a esprimere un bell’immaginario poetico, ma se lo avessimo davanti ci verrebbe spontaneo chiedergli il motivo di questi arrangiamenti pomposi e...

Leggi Articolo »

ARE YOU REAL? Songs From My Imaginary Youth

areyoureal
Are You Real? è il progetto solista di Andrea Liuzza, musicista e videomaker veneziano. Il suo “Songs From My Imaginary Youth” è qui stato riproposto e ristampato con un artwork d’autore curato dall’illustratrice Mara Cerri. Cosa che abbiamo scoperto in un secondo momento e che in una certa misura ci ha strappato un sorrisetto, perché appena abbiamo avuto in mano il disco, la prima cosa che abbiamo notato è stata questa grafica (fastidiosa - si può dire?) dove i testi sono per chi ha dieci decimi o una vista da trofeo di caccia. Ma visto che l'arte è pur…

Score

QUALITA' - 67%

67%

67

Are You Real? è il progetto solista di Andrea Liuzza, musicista e videomaker veneziano. Il suo “Songs From My Imaginary Youth” è qui stato riproposto e ristampato con un artwork...

Leggi Articolo »