IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Alternative > MONÊTRE

MONÊTRE Monêtre

“Monêtre” è il disco d’esordio dell’omonima band. Un ponte tra La Spezia - città in cui la band è basata - e New York dove vive la cantante, per un progetto che si abbevera all'inesauribile fonte degli Anni Novanta. In scaletta 10 pezzi dove il rock alternativo strizza l'occhio all'orecchiabilità - a volte con buoni risultati, altre volte senza andare a colpire il bersaglio grosso. L'impressione - ascoltando e riascoltando l'album - è che gli manchi un po' di spensieratezza, da non confondere con la leggerezza. Perché è tutto molto precisino, freddo, tuttavia quando la band si lascia andare…

Score

QUALITA' - 61%

61%

61

monetreMonêtre” è il disco d’esordio dell’omonima band. Un ponte tra La Spezia – città in cui la band è basata – e New York dove vive la cantante, per un progetto che si abbevera all’inesauribile fonte degli Anni Novanta.

In scaletta 10 pezzi dove il rock alternativo strizza l’occhio all’orecchiabilità – a volte con buoni risultati, altre volte senza andare a colpire il bersaglio grosso. L’impressione – ascoltando e riascoltando l’album – è che gli manchi un po’ di spensieratezza, da non confondere con la leggerezza. Perché è tutto molto precisino, freddo, tuttavia quando la band si lascia andare come in “So Done” si vede in controluce un potenziale tutto da sfruttare. Insomma, quello dei Monêtre è un compact che funziona a fasi alterne. Per essere un esordio può bastare, ma la crescita passa da un inevitabile cambio di passo, soprattutto negli arrangiamenti.

Tag