IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Autoproduzione > ANDREA MAININI

ANDREA MAININI Ocean

"Ocean" è il disco di esordio di Andrea Mainini (progetto completamente indipendente) e arriva con un profilo chiaro: il post rock è (ancora) vivo e lotta (ancora) assieme a noi. Questo per dire che non ci sono dubbi circa le coordinate sonore dell'album, che va a riesumare un immaginario che una quindicina di anni fa andava forte e che purtroppo negli ultimi due lustri ha perso fascino e adepti. Mainini ha il merito di personalizzare molto la sua proposta, risultando sì derivativo al massimo (del resto il genere è quello, non è che ti puoi inventare granché) ma provando…

Score

QUALITA' - 66%

66%

66

andrea mainini ocean

Ocean” è il disco di esordio di Andrea Mainini (progetto completamente indipendente) e arriva con un profilo chiaro: il post rock è (ancora) vivo e lotta (ancora) assieme a noi. Questo per dire che non ci sono dubbi circa le coordinate sonore dell’album, che va a riesumare un immaginario che una quindicina di anni fa andava forte e che purtroppo negli ultimi due lustri ha perso fascino e adepti.

Mainini ha il merito di personalizzare molto la sua proposta, risultando sì derivativo al massimo (del resto il genere è quello, non è che ti puoi inventare granché) ma provando anche a metterci dentro fascinazioni ed echi da mondi distanti, come gli Anni Settanta – c’è persino qualche rimando alla scena prog.

La scaletta è agile: 6 canzoni, 35 minuti di musica e una discreta tensione emotiva che contribuisce a tenere sempre alta l’attenzione dell’ascoltatore. Quasi tutti i brani sono strumentali, e qua e là il Nostro aggiunge voci che soltanto nella conclusiva “Let Them Go” (ottimo singolo) esaltano il contenuto generale del compact.

Tag