IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Interviste > Altri Suoni > ALEX HENRY FOSTER
alex henry foster
Foto di Stéphanie Bujold

ALEX HENRY FOSTER «Le meraviglie siamo noi, ognuno di noi»

Non ci aspettavamo che potesse venire fuori un’intervista così lunga e generosa di pensieri intimi, così come non ci aspettavamo che i suoi concerti ai quali abbiamo assistito questa estate si rivelassero così potenti, così liberatorio per certi versi.

Il progetto che Alex Henry Foster sta portando avanti con i suoi The Long Shadows va al di là della musica. Abbiamo provato pertanto a comprendere meglio il percorso di un artista che della sua fragilità ha fatto una forza, che è andato oltre l’autodistruzione e che – forse, ora – ha trovato la luce.

Partiamo dall’attualità. Cosa pensi di questo tour estivo 2022 che si è concluso da poco? Che ricordi conserverai dal punto di vista emotivo?

«È ancora difficile per me elaborare tutto quello che è successo durante l’ultimo tour. Non voglio che le sensazioni abbaglianti che ho provato nel corso dei tre mesi trascorsi in viaggio inizino lentamente a svanire, in qualche modo, soprattutto perché quelle sensazioni vibrano ancora meravigliosamente dentro di me in un modo che non ho mai vissuto – o permesso a me stesso di vivere prima.

Di solito non mi piace pensare molto ai momenti passati, soprattutto quando sono così preziosi come le connessioni che ho avuto la fortuna di avere con le persone. È il mio modo di preservare la natura pura di quei legami e di lasciarli crescere al di là delle circostanze in cui si sono svolti. Ma in questo caso, era importante per me rallentare tutto, soffermarmi su ogni momento con un abbandono assoluto, respirare tutto profondamente… Non solo per poter ricordare ogni piccolo lampo di vita che ho avuto la gioia profonda di accogliere e condividere, ma soprattutto per lasciarmi trasformare come persona da quei piccoli pezzi di luce splendente… È così che vedo l’ultimo tour.

Infatti, sono i volti, i sorrisi, le risate, gli abbracci, le mani strette, i pianti, le esultanze e le esalazioni, così come la contemplazione, l’elevazione e la pace che hanno avuto luogo ogni singola sera, che definiscono veramente quel tour. Le persone, i loro cuori generosi, le loro anime aperte, la loro disponibilità a far parte di qualcosa di molto più grande dell’intrattenimento… C’è un profondo aspetto spirituale ed emotivo coinvolto in tutti noi quando ci offriamo alla natura liberatoria del momento. Sfida lo spazio e il tempo. Tutto ciò che è tangibile viene sospeso per un istante. Ogni assoluto a cui sentivamo di doverci aggrappare saldamente lascia il posto a nuove possibilità, a prospettive rinnovate, a una rinata fiducia in un domani migliore… A un tipo di speranza emancipata. Ecco come la vedo io. Si tratta di libertà, o almeno di assaporarla quel tanto che basta per crederci. Il nome del tour era “Not All Wonders Have Been Lost” (“Non tutte le meraviglie sono andate perdute”)… e le meraviglie siamo noi, ognuno di noi».

What do you think of this 2022 summer tour? What memories will you keep emotionally?

«It’s still difficult for me to process everything that happened during the last tour. I don’t want the dazzling sensations I experienced over the course of the 3 months I spent on the road to slowly begin to fade, somehow, especially as those sensations are still wonderfully vibrating within me in a way I have never quite lived — or allowed myself to live before.

I usually don’t like to muse much about past moments, especially when they are as precious as the communions I had the blessing to have with people. It’s my way to preserve the pure nature of those connections and also to let them grow beyond the circumstances in which they took place. But in this case, it was important for me to slow everything down, to dwell on every moment with an absolute abandonment, to breathe it all deeply… Not only so I can remember every little flash of life I had the profound joy to welcome and share but more importantly so I can let myself be transformed as a person by those little pieces of shining lights… That’s how I see the last tour.

In fact, it’s the faces, the smiles, the laughter, the hugs, the hands being held, the cries, the jubilation and exhalation, as much as the contemplation, the uplift and the peace that took place every single night that truly defines that tour. The people, their generous hearts, their open souls, their willingness to be part of something way greater than entertainment… There’s a profound spiritual and emotional aspect involved within us all when we offer ourselves to the liberating nature of the moment. It defies space and time. Everything tangible is suspended for an instant. Every absolute we felt we needed to firmly hold onto leaves place to new possibilities, renewed perspectives, reborn faith in better tomorrows… an emancipated type of hope. That’s how I see it. It’s about freedom, or a least, about tasting it just enough to believe. The tour name was “Not All Wonders Have Been Lost”… and the wonders are us, everyone of us».

Perché è così difficile vederti dal vivo in Italia? Abbiamo cattivi promoter? Cosa conosci del nostro Paese?

«Non posso esprimere a parole il mio profondo dispiacere per non aver potuto visitare tutti voi. Non solo ho il grande privilegio di avere molti amici preziosi in tutta Italia, ma anche il lato della famiglia di mia madre è di origine italiana. È un vero peccato non essere ancora riuscito a comunicare con voi. Persino mia madre ora mi chiede perché non ho ancora suonato in Italia, è diventato un affare di famiglia!

Per quanto riguarda i promoter, credo che il fatto che non abbiamo ancora suonato in Italia abbia più a che fare con le circostanze che con altro. Avremmo dovuto suonare durante il nostro tour originale prima che venisse rimandato due volte a causa del COVID. Poi avremmo dovuto fare 3 o 4 date nel tour in cui abbiamo aperto per i The Pineapple Thief, ma il COVID imperversava ancora e le date sono state rimandate. Infine, siamo stati molto vicini a suonare 2 date durante il nostro tour più recente, ma era logicamente troppo rischioso considerando il numero di ore di macchina che avremmo dovuto percorrere per aggiungere quelle date al nostro programma di tour. Non si tratta di cattivi promotori; ci sono persone fantastiche che hanno fatto di tutto per averci in Italia. E sono profondamente grato a loro, soprattutto sapendo quanto sia stato difficile per loro durante la pandemia. Questa è la breve spiegazione logistica.

Per quanto riguarda ciò che so dell’Italia, risale alle storie di famiglia che ho ascoltato da mio nonno, storie che lui stesso ha ascoltato da suo nonno da bambino, storie che hanno segnato la sua vita in modo così profondo che, anche se non ha mai avuto l’opportunità di visitare la terra dei suoi antenati (viveva in una condizione che potremmo definire di povertà), continuava a parlarmi dei profumi che aleggiavano nell’aria italiana, delle gioie che definivano i mercati, delle risate, della passione, dell’amorevole lealtà degli amici. Mi ha parlato dell’autenticità della gente, dell’importanza della famiglia… Incredibile, vero? Lui non c’è mai stato, ma sentirlo parlare con tanta tenerezza, con un affetto così profondo, mi ha spinto a visitare il Paese, a conoscere la sua gente e a respirare ogni volta quei profumi. È come se una bella immagine di mio nonno si fosse impressa nel mio cuore.

Ed è il motivo per cui mi impegnerò a fondo per poter venire a trovarvi e fare una preghiera per mio nonno la prossima volta che sarò in viaggio, l’anno prossimo. Sarebbe favoloso! Informiamo subito tutti i promotori».

Why is it so difficult to see you live in Italy? Do we have bad promoters? What do you know about our country?

«I cannot put into words how deeply disappointed I was not to be able to visit you all. Not only do I have the great privilege of having many precious friends all over Italy, but my mother’s side of the family is of Italian descent as well. It’s quite a shame that I haven’t been able to commune with you yet. Even my mom now asks me why I haven’t played in Italy yet, it has become a family affair!

As for promoters, I think the fact that we haven’t played in Italy yet has more to do with circumstances than anything else. We were supposed to play during our original tour before it got pushed back twice because of COVID. Then we were supposed to have 3 or 4 dates on the tour for which we opened for The Pineapple Thief, but COVID was still raging and the dates were postponed. And finally, we came very close to playing 2 dates during our most recent tour, but it was logically too hazardous considering the number of hours we would have to drive to add those dates to our touring schedule. It isn’t about bad promoters of anything; there are amazing people who went above and beyond to have us in Italy. And I’m deeply grateful for them, especially knowing how hard it’s been for them during the pandemic. That’s the short logistical explanation.

Regarding what I know about Italy, it goes back to the family stories I heard from my grandfather, stories he heard himself from his grandfather as a kid, stories marking his life so profoundly that even though he never had the opportunity to visit the land of his ancestors (he lived in what we could call poverty at best), he nonetheless kept telling me about the perfumes that floated in the Italian air, the joys defining the market places, the laughter, the passion, the loving loyalty of friends. He told me about the authenticity of the people, about the importance of family… How incredible, right? He has never been there, but hearing him talk about it with so much tenderness, with such a profound fondness, made me visit the country, meet its people, and breathe those perfumes every single time. It’s like a beautiful image of my grandfather imprinted on my heart.

And it’s the reason I’ll be working very hard to be able to visit you and have a prayer for my grandfather next time I’ll be on the road, next year. That would be fabulous! Let’s inform all the promoters now».

Dopo questo tour, quali sono i tuoi progetti? Alcune canzoni suonate live finiranno in un nuovo disco?

«Tornerò in studio per lavorare a un nuovo progetto musicale insieme ai membri della mia band in tour, The Long Shadows. È da un po’ di tempo che ho in mente questo progetto e voglio soffermarmi completamente su di esso fino alla fine dell’anno, soprattutto perché sto preparando tutto per lavorare a un altro progetto a Tangeri all’inizio del 2023. Perciò, mentre cerco di portare a termine i diversi libri su cui mi sono impegnato per molto tempo, i prossimi 6-8 mesi saranno tutti dedicati alle parole e ai suoni.

Non so se le canzoni che ho suonato dal vivo faranno parte di uno dei prossimi progetti. A volte le canzoni vivono nel mezzo di un momento specifico e non saranno mai più suonate né registrate su un album. In un certo senso sono libere ed eterne, e questa è una prospettiva molto significativa per me. Lasciarsi andare, il resto è sempre un dono, sempre».

After this tour, what are your plans? Will some songs played live end up on a new record?

«I’m going back to the studio to work on a new musical project alongside the members of my touring band, The Long Shadows. I’ve been envisioning that project for quite a while now and I want to completely dwell on it until the end of the year, especially as I’m setting everything up to work on a different project in Tangier early in 2023. So with trying to complete different books I’ve been committed to for quite a long time now, the next 6 to 8 months will be all words and sounds.

I don’t know if the songs I played live will be on any of those upcoming projects. Sometimes, songs live in the midst of a specific moment and won’t ever be played again nor be recorded on an album. They are somehow free and eternal in a way, and that is a very significant perspective for me. Let go, the rest is always a gift, always».

A Parigi i tuoi concerti sono stati molto intensi a livello emotivo, soprattutto quello al Supersonic. Senti un’energia diversa a Parigi?

«Per me ogni momento ha la sua energia, il suo spirito unico e i suoi brividi particolari. Non credo nel tentativo di replicare le emozioni né di osare emulare la stessa formula sera dopo sera. Non si tratta di intrattenere, ma di lasciarsi andare, di abbandonarsi al flusso. È vita.

Parigi è speciale in termini di connessione; c’è una singolarità emotiva che ci collega tutti in modo unico. Non si tratta di essere più preziosi o più significativi di altri legami che ho con altri luoghi, ma c’è una dimensione di intimità completamente diversa. Insieme, abbiamo perso molti vecchi amici, ne abbiamo accolti altrettanti nuovi, abbiamo pianto e riso. È un movimento, un movimento comune, un unico organismo vivente composto da tanti elementi distintivi. Se riesco a immaginarlo, ogni luogo ha il suo ritmo, la sua danza in un certo senso. Parigi è una sorta di abbraccio comune al rallentatore… Spero che questo concetto abbia senso!».

In Paris your concerts were emotionally very intense, especially the one at Supersonic. Do you feel a different energy in Paris?

«For me, every moment has its own energy, its own unique spirit, and its own particular shivers. That’s why my concerts are designed to have the same motion. I don’t believe in trying to mimic emotions nor to even dare emulate the same formula night after night. It’s not about entertaining, it’s about letting go, abandoning ourselves to the streaming flow. It’s alive.

Paris is special in terms of its connection; there’s an emotional singularity that connects us all in a unique way. It’s not about being more precious nor about being more significant than any other connections I have with other places, but there’s a completely different dimension of intimacy. Together, we’ve lost many old friends, welcomed as many new ones, we cried and laughed as well. It’s a motion, a common one, a single living organism assembled of so many distinctive elements. If I can picture it, every place has its own rhythm, its own dance in a way. Paris is a common slow-motion kind of intertwining embrace… I hope this makes sense!».

Le tue canzoni sembrano parlare di un uomo con tanti dubbi e tante domande. In questo momento della tua vita, cosa c’è dentro Alex?

«È il tipo di domanda che avevo paura di sentirmi fare in passato. Non sono mai stato bravo ad espormi, visto che ho sempre lottato con l’idea di non essere mai abbastanza per alcuni motivi. Ho una personalità autodistruttiva. Avrei sviato la domanda rispondendo con insipidità e banalità superficiali per mantenere la facciata, l’aura. A volte esito ancora a essere onesto con gli altri perché ciò implica essere onesto con me stesso. Il concetto immutabile di “verità” mi è servito di più, perché si tratta di una certezza auto-fabbricata che serve a proteggersi dalla sincerità che il cuore desidera. Credo sia per questo che lotto con dubbi persistenti, così come sto imparando a fidarmi sempre di più del mio istinto.

Quindi, per rispondere alla tua domanda su cosa c’è dentro di me in questo preciso istante, te lo dirò senza filtri.

Le incertezze. Prima mi paralizzavano. Disagio. Prima mi rendeva ansioso. La paura di ciò che non riesco a comprendere. Prima alimentava i miei eterni dinieghi. Un esaurimento emotivo. Prima bloccava i colori che brillavano dentro di me. Ma c’è anche speranza in questo momento. Non mi ero mai permesso di accogliere la sua essenza pacifica prima d’ora. C’è fede nell’illuminazione. Prima mi nascondevo da essa. Ci sono visioni contemplative. Prima continuavo a privare il mio spirito creativo di queste visioni. C’è una volontà di esplorazione che eleva. Prima avevo paura di non ritrovarmi.

Tutto questo è molto positivo per me, perché mi fa andare avanti, un passo alla volta. E se sto ancora lottando per fidarmi della mia voce interiore e del fatto che sicuramente avrò sempre a che fare con i vecchi spettri dei sentimenti di dubbio, sono più risoluto nel vivere e più disposto a farlo libero da tutte le ancore che mi ero convinto di dover avere per evitare qualsiasi potenziale deriva. Ora è tempo di andare alla deriva per me, ovunque mi porti».

Your songs seem to speak of a man with so many doubts and so many questions. At this moment in your life, what’s inside Alex?

«That’s the type of question I was scared to be asked in the past. I have never been too good at exposing myself considering that I have always struggled with the idea that I never was enough for some reasons. I have a self-destructive type of personality. I would have deflected the question by answering insipidities and shallow platitudes to maintain the facade, the aura. I still hesitate at times to be honest with others as it implies being honest with myself. The immutable concept of “truth” served me better, as it’s all about a self-fabricated certitude designed to shield yourself from the sincerity that the heart longs for. I guess that’s why I struggle with persistent doubts, just as much as I am learning to rely on my instincts more and more.

So to answer your question about what’s currently inside me at this very instant, I will say it without any filters.

Uncertainties. They used to paralyze me. Unsettlement. It used to make me anxious before. A fear of what I can’t comprehend. It used to feed my everlasting denials before. An emotional exhaustion. It used to block colors from shining within me before. But there is also hope in the moment. I have never allowed myself to welcome its peaceful essence before. There is faith in enlightenment. I used to hide from it before. There are contemplative visions. I kept on depraving my creative spirit from them before. There is an elevating willingness to explore. I was scared I’d never come back home before».

All of that is greatly positive for me, as its sets the motion forward, one step at the time. And if I’m still struggling to trust my inner voice and that I most definitely will always be dealing with the old specters of doubting sentiments, I’m more resolute in living and more disposed to do it free from all the anchors I had convinced myself I needed to have to avoid any potential drifting. It’s time to drift for me now, wherever it may lead me».

Prima di morire, tuo padre ti ha incoraggiato a vivere. In questi anni hai capito “come” vivere?

«Come ho detto in precedenza, ho trascorso la maggior parte della mia vita a scacciare ferocemente il mio cuore con ogni sorta di domande esistenziali e mantra incomprensibili, girando il mondo dall’angolo di una stanza squallida che avevo creato per soffrire. È difficile ammettere a se stessi quanto si possa essere emotivamente danneggiati. C’è tanta vergogna e isolamento… Un individuo depressivo altamente funzionale con tendenze suicide che vive una vita attiva in un’oscurità tutta sua: ecco chi ero. Forse quello che mi ha detto mio padre non aveva a che fare con la comprensione di come vivere, ma si trattava piuttosto di aprire lentamente gli occhi all’essenza gioiosa della luce… Dopo anni di vita al buio, si impara a vedere senza vedere nulla, la luce ha una forma diversa, è una dimensione personale in un certo senso. Per me, si tratta di trovare conforto nell’essere, di essere onesto con me stesso, di permettermi di esistere al di fuori dell’ambito sicuro delle mie funzionalità. So che sembra strano (per mancanza di coraggio nel dire strano o esoterico!), quindi diciamo che per me è un processo per abbracciare il favoloso viaggio in cui continuo a offrire le meraviglie agli altri ma in cui non ero in grado di impegnarmi in passato per paura di perdermi ancora di più. È un passo alla volta, e ognuno di questi passi è una straordinaria celebrazione della vita, un promemoria del fatto che non c’è un “come” nell'”essere”… solo la fede».

Before he died, your father encouraged you to live. Have you understood in these years “how” to live?

«As I previously said, I spent most of my life fiercely scorning my heart with all sorts of existential questions and incomprehensible mantras, traveling the world from the corner of a bleak room I created to suffer in. It’s difficult to admit to yourself just how emotionally damaged you might be. There is so much shame and isolation involved… A highly functional depressive individual with suicidal tendencies living an active life in a darkness of my own; this is who I was. Maybe what my father told me didn’t have anything to do with understanding how to live but was more about slowly opening my eyes to the joyful essence of light… After years living in the dark, you learn how to see without seeing anything, light has a different shape and form, it’s a personal dimension in a way. For me, it takes the incarnation of finding comfort in being; being honest with myself, allowing myself to exist outside of the safe realm of my functionalities. I know it sounds strange (for lack of courage to say weird or esoteric!), so let’s just say it’s a process for me to embrace the fabulous journey I kept on offering the wonders to others but wasn’t able to engage in for fear of losing myself even more. It’s one step at the time, and every one of those steps is an extraordinary celebration of life, a reminder that there’s no “how” in “being”… only faith».

Pandemia, guerra, crisi energetica. Alex, siamo dalla parte giusta della storia? Stiamo facendo le cose giuste per avere un futuro migliore?

«Sono sorprendentemente molto positivo per una persona che ha lottato con la depressione per la maggior parte della sua vita! Credo che non ci sia un lato giusto o sbagliato della storia, ma solo quello in cui siamo impegnati e a cui vogliamo contribuire. È un movimento costante definito da una decisione di ogni momento, non per continuare ad andare avanti, ma per continuare a credere che sia importante farlo. Stiamo affrontando le sfide che le persone che ci hanno preceduto hanno dovuto affrontare. Forse la nostra visione del passato ci fa pensare che il mondo fosse più facile da manovrare… E forse lo era. Forse c’erano meno sfumature nello spettro dei colori che vediamo ora. Ma per quanto sia più complesso comprendere il nostro mondo e gestire i suoi paradossi e le sue divisioni sempre crescenti, oggi dobbiamo essere un ponte, dobbiamo tendere la mano. C’è un profondo bisogno di riconciliazione in questo momento. Siamo in un’epoca di “io”. E se l'”io” è importante, credo che trovi il suo vero scopo nella nozione di “noi”, indipendentemente dal significato di “noi”. E questo per me è molto positivo. La riconciliazione permette a ogni possibilità di prendere forma, e il “noi” permette a ogni “io” di “essere” in modo esponenziale. State ancora seguendo il mio processo di pensiero…?!».

Pandemic, war, energy crisis. Alex, are we on the right side of the story? Are we doing the right things to have a better future?

«I’m surprisingly very positive for someone who has been struggling with depression most of his life…! I believe there’s no right or wrong side of the story, only the one we are engaged in and determined to contribute to. It’s a constant motion defined by a decision of every moment, not to keep on going but to keep believing that it matters to do so. We are facing challenges like people before us had challenges of their own to face. Maybe our vision of the past feels like the world was easier to maneuver in… And maybe it was. Maybe there were fewer shades in the spectrum of the colors we now see. But however more complex it might be to comprehend our world and to manage its ever-growing paradoxes and division nowadays, we need to be a bridge, we need to reach out. There’s a profound need for reconciliation right now. We are in an era of “I”. And if “I” is important, I believe it finds its true purpose in the notion of “us”, no matter what “us” means. And that is for me very positive. Reconciliation allows every possibility to take form, and “us” allows every “I” to exponentially “be”. Are you still following my thought process…?!».

Molti ti considerano un esempio umanamente e artisticamente. Questo ti gratifica o è una responsabilità che ti spaventa?

«Mi spaventava durante il decennio trascorso come frontman della mia ex band, gli Your Favorite Enemies. La causa principale era la mia costante paura di fallire, di essere una delusione per gli altri o di non riuscire a discernere gli elementi intangibili che cercavo come artista e come essere umano. È difficile ricevere tanto amore e gentilezza quando si è a malapena in grado di amare se stessi. È stata una stagione piuttosto sconcertante e angosciante per me.

Per adesso, essendo un po’ più in pace con me stesso, non mi vedo come un esempio, ma come parte di qualcosa di meravigliosamente vivo che va ben oltre Alex Henry Foster. Sto imparando molto dalla determinazione e dall’impegno di altre persone verso la costante pressione che è quella di sostenere la necessità di avere diritti umani per tutti, così come sono costantemente ispirato dalla continua reinvenzione creativa degli artisti tremendamente talentuosi, dotati e laboriosi con cui ho il privilegio di condividere la mia vita. Non c’è gratificazione né paura nel “noi”, ma solo la benedizione di sapere che, per quanto possiamo fallire come esseri umani, il “noi” ci offre la ridefinita opportunità di provare di nuovo. Il modo in cui si cresce come persona è il modo in cui si serve una comunità e, in ultima analisi, si lavora per rimodellare il mondo in modo che tutti abbiano la giusta opportunità di essere ciò che vogliono essere, di contribuire in qualsiasi capacità vogliano offrire alla collettività. È ingenuo, lo so, ma preferisco essere un ingenuo ottimista che un commentatore fatalista. Sono stato in stand-by nella mia vita per così tanto tempo che conosco l’importanza di contare le mie benedizioni e la profonda gioia di condividerle con gli altri, chiunque essi siano».

Many people consider you an example humanly and artistically. Does this gratify you or is it a responsibility that scares you?

«It used to freak me out during the decade-long tenure I have spent as frontman in my former band, Your Favorite Enemies. It was mainly due to my constant fear of failure, of being a disappointment to others, or of being unable to discern the intangible elements I was looking for as an artist and as a human being. It’s difficult to be given so much love and kindness when you are barely able to love yourself in the first place. It’s been quite a disconcerting and distressing season for me.

As for now, being a little more at peace with myself, I don’t see it as being an example, but as being part of something beautifully alive that is way beyond Alex Henry Foster. I’m learning so much from other people’s determination and engagement towards the constant press-on that is to forwardly stand for the necessity of having human rights for all, as much as I am constantly inspired by the continual creative reinvention of the tremendously talented, gifted and hardworking artists I have the privilege to share my life with. There’s no gratification nor fear in “us”, only the blessing to know that no matter how hard we may fail as a human being, “us” offers the redefining opportunity to try it all over again. How you grow as a person is how you serve a community and ultimately work on reshaping the world for everyone’s fair opportunity to be whatever they want to be, to contribute in whatever capacity they want to offer the collectivity. It’s naive, I know, but I’d rather be a naive optimist than a fatalistic commenter. I’ve been a stander-by in my life for so long that I know the important of counting my blessings and the profound joy of sharing them with others, whoever they are».

Tag