IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Italiano > DIANA TEJERA

DIANA TEJERA Libre

Ci abbiamo pensato un po' prima di dare un'etichetta al disco di Diana Tejera. Abbiamo girato tra pop e rock, poi abbiamo deciso di virare decisamente verso la world music. Per carità, certe classificazioni lasciano sempre il tempo che trovano, sono per lo più menate "da recensioni", però in questo caso parlare di world music aiuta a capire i contorni di un progetto particolare, che mischia stili, linguaggi, tradizione cantautorale e modernità. Il risultato è un beverone che mette assieme almeno una hit potentissima ("Volverè"), due hit di livello (l'iniziale "Libre" e "All that you see") e poi una…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

diana tejera

Ci abbiamo pensato un po’ prima di dare un’etichetta al disco di Diana Tejera. Abbiamo girato tra pop e rock, poi abbiamo deciso di virare decisamente verso la world music. Per carità, certe classificazioni lasciano sempre il tempo che trovano, sono per lo più menate “da recensioni”, però in questo caso parlare di world music aiuta a capire i contorni di un progetto particolare, che mischia stili, linguaggi, tradizione cantautorale e modernità. Il risultato è un beverone che mette assieme almeno una hit potentissima (“Volverè”), due hit di livello (l’iniziale “Libre” e “All that you see”) e poi una manciata di canzoni davvero interessanti scritte, arrangiate e prodotte nell’home studio della cantautrice, polistrumentista e produttrice romana di origini andaluse.

Un album multiforme e multilingue (spagnolo, inglese e francese), nato durante il lockdown del 2020, cantato veramente bene e che potrebbe dire la sua anche in mercati ben più ambiziosi rispetto a quello stitico italiano. Insomma, un disco di valore, che si lascia ascoltare senza alcuna fatica.

Tag