IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Recensioni > Canzone d'autore > FLAVIO FERRI

FLAVIO FERRI Testimone di passaggio

"Testimone di passaggio" è il nuovo album di Flavio Ferri, con i testi di Luca Ragagnin, scrittore celebre per la collaborazione nelle liriche con i Subsonica. Il risultato? Beh, il fondatore e sound designer dei Delta V ha qui scelto la via della sperimentazione, coinvolgendo parecchi ospiti: da Gianni Maroccolo a Livio Magnini dei Bluvertigo, passando per Marco Trentacoste dei Deasonika, ma la lista è ancora lunga. Guai tuttavia a considerarlo un album collettivo, questo è al 100% un disco di Flavio Ferri (e Ragagnin), con le collaborazioni che arrivano a contaminare il territorio in maniera discreta, senza mai invadere…

Score

QUALITA' - 72%

72%

72

flavio ferri testimone di passaggio

Testimone di passaggio” è il nuovo album di Flavio Ferri, con i testi di Luca Ragagnin, scrittore celebre per la collaborazione nelle liriche con i Subsonica. Il risultato? Beh, il fondatore e sound designer dei Delta V ha qui scelto la via della sperimentazione, coinvolgendo parecchi ospiti: da Gianni Maroccolo a Livio Magnini dei Bluvertigo, passando per Marco Trentacoste dei Deasonika, ma la lista è ancora lunga. Guai tuttavia a considerarlo un album collettivo, questo è al 100% un disco di Flavio Ferri (e Ragagnin), con le collaborazioni che arrivano a contaminare il territorio in maniera discreta, senza mai invadere il campo, anche perché è fortissima la presenza di Ferri, non soltanto per l’uso della voce, ma proprio per l’atmosfera che contribuisce a caratterizzare con il suo sound.

Il pop non abita qui, l’elettronica sì. “Testimone di passaggio” è un lavoro che spinge forte il pedale della sperimentazione, e che in alcuni passaggi fa venire in mente Giovanni Lindo Ferretti e anche certe cose di Alessio Bertallot. I testi di Ragagnin sono spesso ermetici ma non tengono fuori dalla porta l’ascoltatore, perché quasi tutti i pezzi hanno due o tre frasi che sono messaggi nella bottiglia per un pubblico attento che ha bisogno di riflettere.

In conclusione: un disco coraggioso, poco accomodante, fatto non tanto per fare, ma fatto proprio con la voglia di farlo in questo modo.

Tag