IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...

RUMOR Ti ho visto ad alta voce

Pop ed elettronica, cantautorato ed epicità da band navigata. "Ti ho visto ad alta voce" è un album veramente interessante e dice in primis che Anelli e Platini - i titolari del progetto - ci sanno fare. E dice anche che sono stati bravi a trovare una loro strada nel battutissimo territorio del nuovo pop all'italiana, quello che prova a mescolare tradizione e modernità. . "Carnival"…

Score

QUALITA' - 74%

74%

74

rumor visto alta voce

Pop ed elettronica, cantautorato ed epicità da band navigata. “Ti ho visto ad alta voce” è un album veramente interessante e dice in primis che Anelli e Platini – i titolari del progetto – ci sanno fare. E dice anche che sono stati bravi a trovare una loro strada nel battutissimo territorio del nuovo pop all’italiana, quello che prova a mescolare tradizione e modernità.

I Rumor hanno numeri perché hanno qualcosa da dire, sono freschi e riescono a parlare di sentimenti – in maniera abbastanza didascalica – senza perdersi in supercazzole oppure in una narrativa scontata o banale. “Carnival” apre il disco ed è un brano fortissimo che sintetizza piuttosto bene qualità e stile del duo, ma occhio anche a “Neve”, “Paura”, “Uhuh” e “Amare”.

Marco Platini ha una voce che ricorda un pochino (nel timbro) quella di Francesco Renga e con l’ex Timoria condivide anche la capacità di interpretare (e non solo di cantare) i brani che scrive. Ottima la produzione, con un uso deciso e consapevole dell’elettronica. Non c’è improvvisazione.

Difetti? Solo… estetici. Nel senso che l’artwork confezionato dagli stessi è piuttosto bruttino e non rende merito alla qualità del contenuto. Per il resto, poche storie: uno degli album migliori usciti nel 2018 in ambito italiano.

Tag