IN "FIVE SONGS" CI SONO LE CINQUE CANZONI PREFERITE DI...
Home > Cinema2020 > QUEEN & SLIM

QUEEN & SLIM Melina Matsoukas

Finora il 2020 ha portato in dono diverse valide pellicole. E siamo felici di accogliere nel novero anche "Queen & Slim" di Melina Matsoukas, qui al suo debutto da regista cinematografica dopo una lunghissima carriera alle prese con videoclip musicali per star a cinque stelle. Per il suo esordio, la regista classe 1981, ha scelto una storia d'amore costruita bene. Ok, a trequarti della visione, il finale inizia ad essere qualcosa in più di un presagio, ma nello sviluppo è perfetto. La trama. Due giovani si incontrano (tramite Tinder) e nel viaggio di ritorno in automobile vengono fermati da…

Score

SCORE - 8

8

8

queen slim

Finora il 2020 ha portato in dono diverse valide pellicole. E siamo felici di accogliere nel novero anche “Queen & Slim” di Melina Matsoukas, qui al suo debutto da regista cinematografica dopo una lunghissima carriera alle prese con videoclip musicali per star a cinque stelle. Per il suo esordio, la regista classe 1981, ha scelto una storia d’amore costruita bene. Ok, a trequarti della visione, il finale inizia ad essere qualcosa in più di un presagio, ma nello sviluppo è perfetto.

La trama. Due giovani si incontrano (tramite Tinder) e nel viaggio di ritorno in automobile vengono fermati da un poliziotto razzista. Ci scappa il morto e da lì in avanti nasce una fuga a perdifiato.

Il cast è perfetto: Daniel Kaluuya e Jodie Turner-Smith sono i protagonisti e, complice una sceneggiatura solida, riescono a comunicare allo spettatore contraddizioni, sogni e tormenti del loro vivere, trasformando la fuga in una ricerca interiore che poi rappresenta la base portante della narrazione. Apparizioni veloci per Chloë Sevigny e Flea dei Red Hot Chili Peppers, con quest’ultimo che in appena 4 o 5 scene dà profondità al suo personaggio. Il finale, come detto, è scontato ma estremamente emozionante.

Melina Matsoukas firma una regia di classe, dando al film la giusta estetica senza personalizzare troppo.

Si arriva alla fine convinti d’aver visto un’opera di qualità, un dramma sentimentale maturo, in grado di flirtare con un pubblico trasversale per età e aspettative.

Tag